Tutto sport-Napoli;SEMPRE PIU’ GIU’!

di Diego Senese

Per  il  Napoli non  si  ferma l’emorragia  di  insuccessi  in campionato, e  il  pareggio casalingo  con l’Atalanta  ne  decreta  lo stato di shock.  Molteplici i fattori  che  hanno  contribuito ancora  una  volta  ad  un  risultato  negativo. Ad  affiancare  le opache  e scialbe  prestazioni che  ormai  da  tempo  contraddistinguono  l’equipe azzurra, stavolta  si  sono aggiunte malasorte e  torti  arbitrali.  Al  S.Paolo  è scesa  in  campo  una squadra  lenta,  macchinosa,  imprecisa.  Troppo  leziosa  per  portare  in  cassaforte  quei  tre  punti  che  mancano ormai da  più  di  un  mese. Nonostante  ciò si  aspettava  da  un  momento  all’altro il  gol  del  vantaggio  azzurro  visto  il  predominio.  Due  salvataggi  sulla linea, un  palo  e altre  occasioni e con la fortuna di giocare con la  superiorità  numerica,  considerata l’espulsione  di Gomez  per  doppia  ammonizione. Ebbene a cospetto di tale  situazione accade l’imprevedibile!  Da un appoggio fatto  con  molta  leggerezza da Henrique  per  Andujar,  nasce il gol del  vantaggio per  gli  orobici.  Il difensore partenopeo  viene  aggredito da dietro da Pinilla che commettendo fallo  lo fa  cadere facendogli  perdere  il possesso di palla così da potere andare indisturbato a depositarla in rete. Il tutto sotto gli occhi dell’arbitro  e  dei  suoi  collaboratori che  non hanno  ravvisato  l’episodio. Risultati immagini per napoli atalanta 2015Davvero  assurdo! Dalla  panchina  saltano  letteralmente Benitez  con il suo staff.  Increduli giocatori e tifosi, ma la decisione presa dall’arbitro  Calvarese  è  irrevocabile.  La partita scappa di mano al giudice sportivo che dispensa a tutto spiano ammonizioni da una parte all’altra. Poi  le  sostituzioni che  producono l’effetto di portare al pareggio gli azzurri. Dentro Hamsik e Zapata.  Un cross ben piazzato dello slovacco  per  la testa del colombiano che insacca a pochi minuti dal suo ingresso in campo. La partita termina con il risultato di 1-1, ma è un pareggio che sa’ di sconfitta. Troppo poco per una squadra che ha smarrito la sua voglia di vincere e che mira alla champions league. La stessa partecipazione è sempre più a rischio visto che in virtù degli altri risultati il Napoli scivola al quinto posto dietro Roma, Lazio e Sampdoria. Occorre rimboccarsi le maniche e ripartire, le prossime partite rappresentano il crocevia della stagione sia in campionato che per le coppe. Da queste si decideranno le sorti di un’intera stagione.

DIEGO SENESE

About gennaro61

Gennaro Napoletano - Direttore Editoriale di LaFragolaNapoli.it